статистика каталог исполнителей песен  
песни: 61179
группы: 12214
  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • J
  • K
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • Q
  • R
  • S
  • T
  • U
  • V
  • W
  • X
  • Y
  • Z
  • А
  • Б
  • В
  • Г
  • Д
  • Е
  • Ж
  • З
  • И
  • К
  • Л
  • М
  • Н
  • О
  • П
  • Р
  • С
  • Т
  • У
  • Ф
  • Х
  • Ц
  • Ч
  • Ш
  • Щ
  • Э
  • Ю
  • Я

  • В сети

    Популярные исполнители:

    Meco
    Zavorash
    Judy Torres
    Вкус меда
    Jim Croce
    Pete Shelley
    Zhan
    Doyle Lawson
    Institute
    Static-X
    Дтп
    Oliver James
    Mimmo Locasciulli
    D D Smash
    Bloodthorn
    Cub
    Jonas Brothers
    Marijuana
    Tears For Fears
    Goya
    Adam Green
    Clarks
    See Spot Run
    Irving Berlin
    School Of Rock
    C-Murder
    Flamin Groovies
    Pspazz
    Tech N9ne
    Виктор Черницкий
    Ray Stevens
    Dielated
    Гурченко Людмила
    Andreone Leah
    Mai Nou
    Collins Edwyn
    Brunner & Brunner
    Nightcore
    Drury Ian And The Blockheads
    Rubo »

    Rubo Tutto E’ Cambiato, Niente E’ Cambiato текст песни

    Tutto E’ Cambiato, Niente E’ Cambiato

    Intro Ghemon Scienz: Eh yo, Ghemon e Domey, Rubo…
    capisci l’evoluzione delle cose? capisci come va?
    anche se tutto cambia, niente cambia, è Sangamaro è ancora oggi qui,
    non è tanto difficile, com’è Domey?
    Intro Domey: eh è l’ennesimo testo non-sense il cui senso alla fine sublima, è cosi yo, è Sangamaro, dal pensiero alla rima…

    DOMEY:

    Eh yo è Sangamaro/ stagioni passano i giorni collassano piano/
    è l’implosione di lassi di tempo che flaccidi in faccia s’impiastrano/
    come i nostri passi impacciati nel fango d’un pantano/
    Domey più Ghemi in tempi sereni due geni/ in tempi di guerra non siamo sereni/ mettici i rimandi agli angoli vuoti delle esistenze/ si arriva in un attimo alle calende/ troppe le faccende che intoppano piani poche le alchimie che si sviluppano quando rimani/ con le mani in grembo/
    scusa ma ho preso già ieri un impegno/ stagioni passano cadono foglie lasciano il segno/ magari vecchi amori regalano ozi/ magari nuovi amori incrementano vizi e tutto cambia sulla terra (niente cambia sulla terra)/
    perchè nei giorni di pace chi si prepara alla guerra

    GHEMON SCIENZ:

    Ho perso i mesi in un bicchiere/ a capire se fosse vuoto o pieno quasi intortito da un veleno/ che non volevo bere ma assumevo a forza/ credevo fosse la cura con cui ogni frattura andava ricomposta (e invece no)/
    Sessioni d’esame buttate al vento/ sigarette che non spengo nonostante le promesse ho mantenuto il vizio/ e anche se non finisco sono specializzato in ogni inizio/ Io e Domey come ai tempi del demo e nonostante il mio trasloco/ nonostante del mare e della ricerca lui ne ha fatto un lavoro/ Sangamaro è il nostro treno/ il moto/ e questo voto noi lo manterremo/
    E ogni parola è il testamento del modo di vivere le appendici che il tempo mi sta fornendo/ e il modo è sempre lo stesso quello con cui fermo/ le emozioni che rastrello

    Rit.:

    Non lo puoi fermare quando scorre/ non lo puoi fermare quando scorre/
    Anche se tutto è cambiato/ niente è cambiato/ e ancora oggi è Sangamaro
    Non lo puoi fermare quando scorre/ non lo puoi fermare quando scorre/
    Anche se tutto è cambiato/ niente è cambiato/ ancora oggi è Sangamaro

    GHEMON SCIENZ:

    Sento le note e le parole si sviluppano/ se Rubo taglia i loops fendo i suoni man mano che mi avviluppano/ prendo il cemento e un mattone/ comprendo che ho un progetto e una carriera in costruzione problemi che mi fanno da ostruzione/ storie a cui do fondo con la penna e con l’immaginazione e motivi di/ distrazione/ amici emotivi e proclivi a sfogarsi con me per ogni frustrazione/ Un disco in gestazione tensione depressione pressione in ogni mia intenzione/ faccio una valutazione di ogni posizione (è cosi)/ mi guardo dentro ed incomincio una disquisizione (è cosi)/ sulle fasi che vivo e sono in fermentazione alcune frasi trasudano disperazione/ è una realtà che sia un viaggio che una mia ossessione/ questo è il mio stress/ l’agenda della mia estinzione

    Rit.

    DOMEY:

    Su questa terra/ dove la gente macina guerra i cadaveri attendono inermi la paraffina fino a trincee e cortine distese sulle colline/ ieri un campo di fiori oggi un campo di mine/ Ma quale metropoli o mescolanza tra popoli voglio una vita agli antipodi da questa vita coi bipedi/ voglio conoscerli i popoli non è il Ginseng con il propoli in un salotto coi tripodi a far di noi non quadrupedi/ Il governante che predica: mia nonna ha 100 anni/
    ha memoria storica delle genti emigrate in America/ sono nato in pianura padana / (fai pure non ti preoccupare) chiamami "polentone" non canto con inflessione campana/ Domenico D’Alelio/ ma quale mc gonfiato come palloni con l’elio/ un nick non vale il mio mic/ concepite più cazzate che al lunedì Biscardi e Corno Elio ho un lavoro che appare slegato dall’arte non amo lo spliff/ ho un intelletto confuso ma normalizzato come i cortili di split/ questo è il conto il resto è mancia/ siamo illusioni reali come i giganti nella Mancia



    Форма обратной связи